Stampa su tela o sulle pareti

Antonino Caffo , 29 Feb 2012 , hardware

Le proprie foto più belle meritano di essere sempre visibili, invece che relegate sull’hard disk. Tra le possibilità ci sono le cornici digitali o la presentazione sul grande schermo del televisore Full-Hd. Ma un effetto di grande impatto si può ottenere appendendo le foto al muro come quadri, o addirittura occupare un’intera parete con una foto. Le foto si possono stampare su autentiche tele per pittori, fornite di artistiche cornici: assumono un aspetto incisivo e senza tempo. Non tutte le foto, però, sono adatte, per esempio quelle di soggetti astratti o quelle con una grana o un rumore immagine troppo evidenti. Ci sono diversi servizi che offrono la stampa su tela: occorre fare attenzione e informarsi su particolari non secondari come lo spessore della tela, e il trattamento dei bordi. Alcuni servizi stampano la foto così com’è, dunque i risvolti della tela nascondono una parte dell’immagine che viene a trovarsi sul lato del quadro.

Altri servizi compensano questo problema estendendo l’immagine tramite riflessione, in modo che una volta risvoltata la tela, la foto resti interamente visibile. Il sistema migliore dipende anche dal soggetto.Le foto che occupano intere pareti, stampate su carta da parati, erano di moda negli anni Settanta e Ottanta. Oggi si preferisce usare le foto favorite come sfondo del desktop, che infatti in inglese si chiama wallpaper ovvero carta da parati. Chi volesse una foto come parete deve riflettere bene su quale foto sia adatta a essere vista continuamente in dimensioni giganti per diversi anni. Non è infatti uno scherzo dover sostituire la carta da parati perché l’immagine stampata non piace più, anche considerando i prezzi della carta personalizzata: per esempio i servizi come www.digital-media.it o JuicyWalls fanno pagare 350-400 euro per una parete ampia 4 metri per 2,30 di altezza. I prezzi sono però inferiori a quelli di un poster di pari dimensioni e non incidono molto rispetto ai costi della mobilia. La risoluzione minima è 25 dpi, ovvero 1 Megapixel per metro quadrato, ma si consigliano le risoluzioni più elevate (90 dpi) altrimenti stando vicino alla parete si vedranno fastidiose puntinature e sembrerà di non riuscire a mettere a fuoco la parete. I servizi di stampa a parete offrono anche librerie di spettacolari foto panoramiche per chi preferisce paesaggi standard alle proprie foto.