Blocco totale del sistema: cosa fare quando il PC non si avvia e come prevenire i problemi dell'hard disk

CHIP.it , 17 Feb 2011 , blocco


Windows non parte

Quando il sistema non si avvia, generalmente si tratta di un difetto nel settore di avvio dell’hard disk. Ciò può succedere quando un vecchio programma di partizionamento non tiene conto che Vista e Windows 7 si avviano da un altro settore rispetto a XP. All’avvio compaiono diversi messaggi di errore: in Windows 7 e Vista lampeggia solo il cursore, in XP, di solito, compare il messaggio NTDLR mancante oppure BootMgr mancante. In Windows XP il problema si risolve utilizzando la Console di ripristino di emergenza, presente sul disco originale di Windows. Inserendo il comando fixmbr, la console tenta di riparare il settore di avvio danneggiato. Se non dovesse funzionare, è necessario riscriverlo ex novo con fixboot c:. Gli utenti Vista e Windows 7 trovano le Opzioni ripristino di sistema direttamente sul dvd di setup.
Il Windows Recovery Environment (Windows RE) è un piccolo sistema con funzioni di ripristino. Facendo clic su Ripristino sistema, il Recovery Environment verifica se l’Mbr (Master Boot Record) è danneggiato, se mancano importanti file di sistema oppure se il settore di avvio o la tabella delle partizioni sono danneggiati. Gli errori eventualmente riscontrati vengono corretti immediatamente.

Windows è sparito

A volte il Boot Manager di Windows si avvia, ma il sistema operativo non compare più. Questo può succedere quando si installa prima Vista o Windows 7 e successivamente XP (tipica procedura di quando si vuole il computer veloce come il primo giorno). In questo caso, dal menù principale di Windows RE, avviare il Prompt dei comandi e digitare bootrec.exe /scanos. Il programma cerca le installazioni di Windows non indicate nel menù di avvio e suggerisce di ripristinarle.
Se il tool Bootrec non trova alcuna installazione di Windows danneggiata, significa che l’archivio dati di configurazione di avvio, il Boot Configuration Data (Bcd), è danneggiato e deve quindi essere creato nuovamente. Per farlo, basta digitare i seguenti comandi nel Prompt
________________________
bcdedit /export c:\bcd.bak
c:
cd boot
attrib c:\boot\bcd -s -h -r
ren c:\boot\bcd bcd.old
bootrec /rebuildbcd
________________________

Il tool genera nuovamente il Bcd. A questo punto, la voce relativa all’installazione di Windows, che era sparita, dovrebbe comparire nuovamente nel menù di avvio e potersi riavviare.

Se il problema è l'hard disk

Il problema in avvio del sistema potrebbe essere anche causato dalla rottura del disco fisso: per evitare di trovarsi in questa situazione è sempre importante prevenire con un'analisi dello stesso. I dischi fissi moderni dispongono della tecnologia Self-Monitoring, Analysis and Reporting (Smart) che controlla importanti parametri, come gli errori in lettura o il numero dei settori danneggiati. Secondo una ricerca di Google, nel 64% dei casi è possibile prevedere un danneggiamento dell’hard disk. Un tool come CrystalDiskInfo (che si può scaricare nella nostra area Download) mostra i valori Smart facilitando l’analisi dello stato di salute del disco fisso.

come prevenire problemi dell'hard disk con CrystalDiskInfo

Interpretare i valori smart

All’avvio, il tool raccoglie i dati Smart e li riassume alla voce Health Status indicando lo stato generale del disco. Per valutare se il disco è compromesso, è bene controllare i singoli valori Smart indicati nei dettagli sottostanti. Il valore del proprio hard disk (Current/Worst) dovrebbe trovarsi sempre al di sotto di quello indicato come Threshold. Questo vale soprattutto per gli Id 1, 3, 5, 7, 8 e 10. Se questi valori si trovano in area critica, è molto probabile che il disco sia compromesso.

Eventuale salvataggio del sistema

In caso di probabile danneggiamento dell’hard disk, è bene salvare subito i dati su un disco esterno Usb. Se il sistema operativo installato è Windows 7, è possibile salvare anche la partizione di sistema, creando un’immagine di sistema su un disco esterno Ntfs. Sostituire l’hard disk difettoso, avviare il dvd di Windows e formattare l’unità disco di destinazione. Avviare nuovamente il dvd di installazione e, tramite le opzioni di ripristino, recuperare il sistema precedentemente salvato sull’hard disk esterno.

Leggi anche:

Windows va in crash: ecco come trovare la causa
Anche un sistema in buone condizioni a volte può causare schermate blu oppure messaggi di errore incomprensibili. Ecco come individuare la causa e procedere al ripristino.

l sistema si blocca: scoprire danni all’hardware e al software
Un semplice messaggio di errore di Windows non comporta un crash del kernel e, in teoria, il sistema può ancora funzionare. Purtroppo il messaggio di errore non è sempre chiaro; d’altro canto,